Archivio 29 novembre 2010

Minacce nel direttivo Pd: Parisi e Domini scrivono al segretario Bersani per chiedere di intervenire

La sera del 23 novembre si è cercato di scoraggiare chi non è allineato al pensiero unico dominante ricorrendo alle minacce. Ed è proprio il sindaco in persona, durante il direttivo, che ha cercato di galvanizzare i suoi dichiarando, con tono alterato e minaccioso, che bene farebbe qualcuno a fare un “paliatone” al membro del direttivo Carmine Parisi e che se avesse ritrovato il contenuto di qualche sua dichiarazione fatta durante i direttivi su di un qualunque giornale ci avrebbe pensato lui stesso “a prenderlo per il collo e ad appenderlo al muro”.
Parisi: “è molto grave che un sindaco ritenga di
poter affrontare una discussione all’interno del partito, in un’assemblea dove tra l’altro gode di una super-maggioranza, ricorrendo all’uso delle minacce. Di ben altri esempi sono in cerca le giovani generazioni che vorrebbero avvicinarsi alla politica”. Domini: “E’ davvero deprimente vedere un esponente politico ricorrere ad una terminologia violenta per zittire chi non la pensa come lui. E speriamo che si fermi solo alla terminologia! Spero ed auspico che qualche iscritto al PD abbia uno scatto d’orgoglio e finalmente cacci il coraggio per affermare che la politica è l’arte della discussione e del dialogo, a volte anche molto duro ma che non ha niente a che fare con le minacce e la volgarità che spesso esprime Alfieri.”

Domini e Parisi decidono così di chiedere un intervento diretto del segretario nazionale del Pd Pierluigi Bersani, al fine di ripristinare quella democrazia che continua a mancare all’interno del circolo agropolese. Leggi articolo…

Direttore responsabile:
Giuseppe Maniaci

Editore:
Associazione «Trasparenza & Legalità»

Segui Trasparenza & Legalità



redazione@trasparenzaelegalita.it

Le immagini raffiguranti loghi e marchi sono di proprietà dei rispettivi titolari.
Trasparenzaelegalita.it è disponibile alla rimozione di essi in ogni tempo. Le foto presenti su Trasparenzaelegalita.it sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.