Archivio marzo 2011

No al nucleare, sì a energie pulite

Il grande affare

…e per realizzarlo si sono mangiati l’area e l’aria dei bambini della scuola elementare Gino Landolfi. Che bell’esempio di “politica concreta”.

Articolo tratto dal numero di Marzo

L’affare è presto detto: l’amministrazione comunale ha ceduto una parte del cortile della scuola elementare Gino Landolfi ad un’impresa, per costruire oltre sette locali al piano terra e, sopra ad essi, un piano per uso uffici. Da quanto si sa, il contratto di cessione del terreno dal comune di Agropoli all’impresa Russo di Salerno prevede che tutto il piano terra resterà di proprietà dell’impresa mentre al comune andrà il piano rialzato. Per la ditta la stipula di questo contratto è stata come una “manna caduta dal cielo”. Infatti pare che la ditta diverrebbe così pro-prietaria di tutti i locali a fronte strada e, vendendoli, realizzerebbe una “barca di soldi”. Tenendo conto di tutto questo e riflettendo bene sembra che lo scopo della trattativa non era tanto quello di costruire sopra, ma quello di costruire sotto…detto papale papale: il piano sopraelevato servirebbe a giustificare la costruzione dei locali a fronte strada, magazzini commerciali di alto valore economico. E così si è consentito ad un’impresa privata di fare un grande affare. Leggi articolo…

E’ uscita l’edizione cartacea di Marzo

Per leggerla e scaricarla cliccare sulla prima pagina qui sotto:

Ecco il Governo pro-vita

Tra i 52 siti indicati dal Governo per la realizzazione di centrali nucleari, anche la Foce del Sele

di Clelia Albano

Quanti di voi associano alle centrali nucleari l’idea di vita? E quanti in questi giorni non associano il terremoto di Fukushima alle centrali nucleari? Quanti di voi si sentirebbero sicuri con una centrale nucleare insediata a pochi passi da casa?

Il 23 novembre 1980 è una data impressa nella memoria di molti. La tragedia del terremoto in Irpinia ha segnato per sempre la storia della Campania, ancora costellata di case-container, simboli di un passato luttuoso e di una cattiva gestione politica. Aprile 2009: il sisma sconvolge le vite degli aquilani. Difficile dimenticare una delle prime immagini mass-mediatiche: il “cimitero” di Onna. Difficile non considerare che al dolore ed alle perdite concrete e psicologiche degli abruzzesi, hanno concorso le azioni di uomini refrattari al rispetto delle norme edilizie. La natura, si sa, è imprevedibile. Ma è l’uomo, l’uomo di potere, a dover tutelare i cittadini. Deve agire per il bene comune, accantonando gli interessi egoistici. Le immagini che in questi giorni ci raccontano la catastrofe del Giappone, non mostrano solo macerie e strazio. Leggi articolo…

Omicidio Vassallo, Fondazione: fiducia nei magistrati. Angelo sindaco della legalità

Roma, 23 marzo 2011 – “Confermiamo la nostra fiducia nella magistratura. Le indagini sull’omicidio sono complesse, ma il lavoro del Procuratore capo di Salerno Franco Roberti e del sostituto Procuratore Rosa Volpe procede deciso, accompagnato dalla nostra sincera stima”. Così Dario Vassallo, fratello di Angelo – il sindaco di Pollica barbaramente ucciso il 5 settembre scorso – commenta gli arresti, effettuati nell’ambito dell’inchiesta sulla ‘strada fantasma’ che avrebbe dovuto collegare Casalvelino e Celso, frazione di Pollica. Lavori pubblici pagati e mai realizzati, denunciati da Angelo Vassallo, prima che venisse assassinato.

“Angelo era e resta il sindaco della legalità – afferma Dario Vassallo – e con la stessa fermezza che guidava la sua azione procede, nel solco delle sue idee, l’attività della Fondazione a lui intitolata”. “Legalità e ambiente – ricorda Vassallo – i temi chiave dei progetti avviati a partire dal 6 dicembre 2o10, primo giorno di vita della Fondazione. Leggi articolo…

Direttore responsabile:
Giuseppe Maniaci

Editore:
Associazione «Trasparenza & Legalità»

Segui Trasparenza & Legalità



redazione@trasparenzaelegalita.it

Le immagini raffiguranti loghi e marchi sono di proprietà dei rispettivi titolari.
Trasparenzaelegalita.it è disponibile alla rimozione di essi in ogni tempo. Le foto presenti su Trasparenzaelegalita.it sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.