Archivio novembre 2011

Salerno, aggressione a Russo: solidarietà dai giovani del Pd

«Certi esponenti del partito non ci rappresentano»

SALERNO. Alle 15.30 il coordinatore provinciale del Pdl, Antonio Russo, ha varcato ieri la soglia della stazione dei carabinieri a via Duomo. Con lui c’era l’avvocato Siniscalchi, mentre giù lo aspettava il vicario del Pdl, Antonio Iannone. Russo ha formalizzato una denuncia per lesioni personali nei confronti dell’assessore comunale Nino Savastano, dopo l’alterco dell’altro giorno davanti alla Provincia. Savastano, che è anche capogruppo del Pd a Palazzo Sant’Agostino, stava aiutando alcuni attacchini a coprire con i manifesti del partito quelli del Pdl, quando è stato notato da Russo, che stava raggiungendo il suo ufficio di assessore provinciale alla caccia.

«L’ho ripreso con il telefonino e lui mi ha aggredito, con strattoni e spintoni» ha dichiarato l’esponente del Pdl, allegando alla denuncia il referto del Pronto soccorso con cinque giorni di prognosi. Savastano parla di «accenno di colluttazione», sottolinea di essere stato «provocato e insultato» e ieri è stato visto anche lui alla stazione dei carabinieri, sebbene per ora non risultino denunce. Tra centrodestra e centrosinistra la tensione resta alta, e ad arroventare il clima arrivano anche alcune solidarietá “trasversali”. Leggi articolo…

Salerno, De Luca rifa’ il logo alla città: Duecentomila euro per una “esse”

L’articolo del nostro direttore responsabile, Giorgio Mottola, sul Fatto quotidiano.
Polemica sul primo cittadino campano: per il nuovo simbolo della città incaricato il designer Massimo Vignelli. Ma il risultato non convince e costa caro. Soprattutto pensando che pochi mesi fa per lo stesso motivo era stato lanciato un concorso tra i giovani. Ma i risultati non sono mai stati ufficializzati

Il nuovo logo di Salerno, a sinistra. E quello vincitore del bando, mai usato

A prima vista può sembrare semplicemente un cerchio blu con al centro una “esse” gialla. Invece, secondo il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca è un brand «straordinario» che consentirà alla sua città «di competere a livello internazionale». È per ottenere questo che il primo cittadino campano ha deciso di non badare a spese. Ha affidato la realizzazione del logo a un importante designer di fama internazionale, Massimo Vignelli, e lo ha pagato profumatamente. Il nuovo marchio, infatti, è costato 200mila euro.

I salernitani però sembrano non aver gradito troppo. «Inguardabile», «brutto», «ridicolo», «inutile», sono i commenti che il sindaco si è ritrovato sulla sua pagina Facebook e sui quotidiani locali il giorno dopo. Le critiche sono venute anche dal suo stesso partito. «Non sarebbe stato meglio – è la domanda che pone il segretario regionale dei giovani democratici, Michele Grimaldi – spendere molto di meno e valorizzare le professionalità giovanili, dal momento che a Salerno abbiamo anche un’importante Università?». Stavolta persino De Luca, solitamente poco abituato a dare spiegazioni, è dovuto correre ai ripari con un nuovo comunicato stampa: «Anche la Tour Eiffel ha suscitato anni di polemiche: ora è un simbolo internazionale che identifica Parigi nel mondo», ha provato a giustificarsi ieri. Leggi articolo…

A “tutti alla radio” il 30 novembre c’è Fabrizio Romagnoli

Autore, attore e registra teatrale, Fabrizio Romagnoli prenderà parte a Tutti alla Radio, uno dei programmi radiofonici più seguiti dai radioascoltatori di Radio MPA.

A condurre è Marco Cuoco, in diretta tutti i lunedì, mercoledì, venerdì, dalle ore 19:00 alle ore 21:00. In compagnia del conduttore e di altri graditi ospiti a sorpresa, Fabrizio Romagnoli rallegrerà tantissimi fans che lo seguono da anni. Insomma, la buona musica di Marco Cuoco, l’ironia, la simpatia e la grande professionalità degli ospiti agli studi di Radio MPA presso il Centro Commerciale Maximall di Pontecagnano, attireranno l’attenzione di un vastissimo pubblico che ne resterà affascinato per due ore di sano divertimento. In programma, mercoledì 30 un vero e proprio show: un appuntamento da non perdere.

Per sintonizzarsi, ecco le frequenze:

Salerno e Valle Irno 94.2
Cava dei Tirreni 95.9
Costiera Amalfitana e Capri 103.8
Cilento 95.8 – 91.4
Piana di Battipaglia 103.8
Alto e Medio Sele 103.5 – 103.8 – 91.4 – 95.8
Valle dei Picentini 95.9 – 103.8
Zona Tanagro 103.5 – 103.8
Vallo Diano 101 – 100.7
Golfo di Policastro 95.8
Lagonegro – Lauria 100.8
Potentino 103.500 – 91.400
Irpinia 91.400
Costa Calabra 95.800

E’ possibile ascoltare la radio anche attraverso il sito www.radiompa.com

Per saperne di più dell’artista marchigiano consultate il sito www.fabrizioromagnoli.it

Strade fantasma: Pedace (Gd) corregge Landolfi (Pd): “Nel nostro partito esiste ancora una questione morale”

“La mancanza di trasparenza nella gestione degli appalti, il clientelismo, il familismo e le speculazioni edilizie a noi giovani fanno ribrezzo”

La settimana scorsa, il segretario provinciale del Pd Nicola Landolfi, aveva sostenuto la tesi per cui la vicenda della strada fantasma Pollica-Casalvelino, con le segnalazioni di Angelo Vassallo ignorate dall’allora assessore Pd ai Lavori Pubblici Franco Alfieri, non riguardava il Partito democratico. Gli ha replicato – in un’intervista rilasciata a Giacomo Tortoriello sul “Roma Cronaca” del 26 novembre 2011 – il segretario provinciale dei Giovani democratici, Vincenzo Pedace.

Qual’è l’esempio che Angelo Vassallo ha lasciato alle nuove generazioni nella sua esperienza umana e politica?

Penso che l’esempio più importante che ha lasciato alla mia generazione, ai più piccoli e ai più grandi, è che la politica è una missione e non una carriera qualsiasi: tutte le missioni, possibili o impossibili, saranno sempre contraddistinte dalla dedizione quotidiana e disinteressata, dall’integrità morale, e dallo spirito positivo di innovazione che si vuole costruire insieme con la propria comunità. Più che un esempio rimane un messaggio, forte ed inesauribile. Leggi articolo…

Caso “strade fantasma”: sul Roma Cronaca di oggi l’intervista all’assessore Marcello Feola

Le inchieste sull’Ufficio Lavori Pubblici della Provincia e le segnalazioni senza risposta di Vassallo all’ex assessore Alfieri

Assessore Feola, subito prima del vostro arrivo le pagine dei giornali parlavano di un cartello di imprese che decideva a tavolino chi dovesse vincere gli appalti all’ufficio Lavori Pubblici. Risultavano coinvolti nell’inchiesta anche molti funzionari.

“È vero, ma tutti gli impiegati che erano stati indagati in quell’inchiesta partita prima delle elezioni provinciali, sia per ragioni di tutela della Provincia che degli stessi dipendenti, sono stati destinati ad altri settori. Diversa è la questione delle strade fantasma: quando siamo arrivati, il Presidente Cirielli ha ritenuto di istituire una commissione di verifica esterna che ha fatto degli accertamenti (quello più clamoroso è quello della Celso-Casalvelino) il cui esito abbiamo trasmesso alla Guardia di Finanza e alla Procura. Sono andati avanti nelle indagini ed il risultato è che ci sono stati dei pagamenti per lavori non eseguiti. Ci sono state anche delle misure cautelati”.

Tre imprenditori e tre funzionari della Provincia sono finiti ai domiciliari. Ma con la decorrenza dei termini queste persone sono uscite. Sono state quindi reintegrate al loro posto?

“Si, sono tornate a lavorare ma non nei posti in cui stavano. In particolare l’arch. Cavaliere adesso lavora come dirigente della Protezione Civile così come pure gli altri geometri coinvolti che non sono più impegnati nel loro precedente ufficio”. Leggi articolo…

Direttore responsabile:
Giuseppe Maniaci

Editore:
Associazione «Trasparenza & Legalità»

Segui Trasparenza & Legalità



redazione@trasparenzaelegalita.it

Le immagini raffiguranti loghi e marchi sono di proprietà dei rispettivi titolari.
Trasparenzaelegalita.it è disponibile alla rimozione di essi in ogni tempo. Le foto presenti su Trasparenzaelegalita.it sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.