Archivio febbraio 2012

Domini denuncia l’ennesima cementificazione ad Agropoli. Stavolta tocca a “via Riviera”

“Alfieri come Attila, dove governa lui non cresce più un filo d’erba”

Il consiglio comunale è stato convocato per domani, alle ore 17. E l’ordine del giorno è la proposta del sindaco, Franco Alfieri, di realizzare un palazzo di cemento armato in uno degli ultimi spazi verdi che costeggiano la strada che da piazza delle mercanzie conduce fino al porto.

Che fosse un amante del cemento – afferma l’ex sindaco e consigliere comunale Antonio Dominilo si sapeva e lo abbiamo ben compreso in questi anni di governo di Agropoli. E lo si capisce anche osservando quanto cemento è stato buttato a Torchiara, dove ha comandato (e comanda?????).

Tuttavia la proposta che Alfieri ha inserito e firmato, ponendola all’ordine del giorno del prossimo Consiglio comunale fissato per il primo marzo, è davvero sconcertante, frutto evidente di una mente predisposta a vedere il cemento come il bene assoluto, non riuscendo ad apprezzare la bellezza dei luoghi e l’importanza del verde per gli spazi stessi e la gente che ci vive. Leggi articolo…

Querela di Farro a Parisi, il giudice sancisce che il fatto non costituisce reato

Il vicesindaco di Torchiara aveva trascinato in tribunale il giovane Carmine Parisi, chiedendogli un risarcimento di 30mila euro

Ieri mattina, presso il Tribunale di Vallo della Lucania, si è tenuta l’udienza preliminare per il procedimento intentato dal vicesindaco di Torchiara, Massimo Farro, contro il caporedattore di “Trasparenza & Legalità” Carmine G. Parisi.

Infatti nel maggio dello scorso anno il vicesindaco Farro aveva querelato il ventitreenne Parisi accusandolo di diffamazione a mezzo stampa, per via di un articolo pubblicato dal nostro periodico. Nel trafiletto incriminato era stato riportato il contenuto di una delibera di giunta che affidava a Massimo Farro un incarico legale da 6mila euro proprio nel Comune di Agropoli, ove suo fratello (Ferdinando F.) è il capogruppo del Pd in consiglio comunale.

Contemporaneamente, anche il sindaco di Agropoli Franco Alfieri cominciava a minacciare e annunciare querele contro il nostro giornale, col chiaro intento di metterci a tacere e distruggere una volta per tutte quel che resta dell’opposizione agropolese.

Ma ieri mattina, il giudice per l’udienza preliminare, dott. Nicola Marrone, ha emesso sentenza di non luogo a procedere “perché il fatto non costituisce reato”. Leggi articolo…

Domini e Parisi scrivono a Vendola e Alfieri annuncia nuove querele

Dopo la lettera aperta inviata al leader di Sinistra e Libertà, Nichi Vendola, con cui Antonio Domini e Carmine Parisi hanno chiesto a Sel di non sostenere la coalizione del sindaco uscente, Franco Alfieri, quest’ultimo ha risposto con un violento comunicato contro gli scriventi, in cui ha annunciato che adirà le vie legale. “La lettera che abbiamo inviato a Niki Vendola – spiegano Domini e Parisi – ha creato reazioni inconsulte da parte di alcuni esponenti politici locali. Anche il Sindaco Alfieri non si è trattenuto dall’infierire contro chi ha ancora la libertà per esprimere liberamente le proprie opinioni. Certo, per Alfieri non è semplice accettare il principio di libertà che sta alla base della democrazia. Non sopporta l’idea che qualcuno possa non pensarla come lui e possa decisamente contestarlo nelle scelte che fa amministrando Agropoli. Scelte distruttive per la nostra città che saranno pagate duramente nei prossimi anni. Pochi esempi: l’indebitamento elevatissimo a cui i bilanci del comune sono stati sottoposti negli ultimi anni (acquisto castello ecc) ed aggressione del territorio con il cemento che invade alcuni tra i luoghi più belli e caratteristici di Agropoli. Si pensi che nel prossimo consiglio comunale l’Amministrazione Alfieri propone di realizzare un intervento edilizio in “via riviera”, per intenderci la strada che conduce al porto e che ha pochissimi spazi verdi ancora intatti e dove l’amministrazione vuol realizzarvi locali e negozi. Leggi articolo…

Sabato prossimo, la presentazione ad Agropoli

Agropoli, elezioni comunali. Lettera aperta di Domini e Parisi a Nichi Vendola

“È impensabile che anche Sel si butti sul carro del vincitore, contraddicendo i propri valori”

Le elezioni comunali si avvicinano. In città si respira aria di “grande ammucchiata” sul carro del vincitore. Sono tutti lì, in fila davanti alla porta del podestà, aspettando il placet per la loro candidatura in una delle sue liste. C’è quasi tutta la classe politica agropolese a prestarsi a questa umiliante sfilata: da quelli che fino a ieri erano gli esponenti del Pdl (che stanno abbandonato il loro partito per passare con Alfieri) a coloro che dicono di rappresentare la sinistra, e che vorrebbero far credere di essere più vicini al mondo del lavoro che a quello del cemento e degli affari. Ed è proprio a questo proposito che l’ex sindaco, Antonio Domini, insieme al caporedattore del nostro giornale, Carmine G. Parisi, hanno inviato una lettera al leader nazionale di Sinistra e Libertà, Nichi Vendola.

Di seguito riportiamo il testo della missiva.

Caro Nichi, – esordisce lo scritto – ti scriviamo per evitare che il tuo movimento possa commettere quello che, ai nostri occhi, appare come un terribile errore. La nostra città è dominata da un discutibile personaggio: Franco Alfieri. Già sostenitore di Mastella, Alfieri spadroneggia come un ras sia da sindaco che da “capo” del Pd (di provenienza margheritina), senza incontrare più alcun ostacolo. Per vincere le elezioni del 2007, non ha esitato a farsi sostenere e a portare con sé in consiglio comunale i costruttori della città, insieme ai vari poteri forti. Ha lasciato decadere il Piano Regolatore Generale adottato dalla precedente amministrazione diessina (che brigò per far sfiduciare), non ha adottato un Puc mentre oggi si sta dando fondo agli ultimi spazi verdi di cui disponiamo. La sua politica trasversale coinvolge anche vasti settori di quella che sarebbe dovuta essere l’opposizione di centro-destra. La sua “politica del cemento” è stata oggetto dell’attenzione del programma di Riccardo Iacona, Presadiretta, andata in onda lo scorso anno (e che ti alleghiamo). Leggi articolo…

Direttore responsabile:
Giuseppe Maniaci

Editore:
Associazione «Trasparenza & Legalità»

Segui Trasparenza & Legalità



redazione@trasparenzaelegalita.it

Le immagini raffiguranti loghi e marchi sono di proprietà dei rispettivi titolari.
Trasparenzaelegalita.it è disponibile alla rimozione di essi in ogni tempo. Le foto presenti su Trasparenzaelegalita.it sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.