Archivio marzo 2012

Salerno: lunedì 2 aprile iniziativa pubblica della Sinistra Pd

“Più democrazia, più partecipazione, più sinistra”

Si terrà al Grand Hotel di Salerno, lunedì 2 aprile alle 17,30, l’iniziativa dal titolo “Più Democrazia, più Partecipazione, più Sinistra”. All’evento prenderanno parte: l’ex senatore diessino, Andrea De Simone; il consigliere regionale Pd, Anna Petrone; il capogruppo Pd alla Regione, Peppe Russo; il segretario regionale della Cgil, Franco Tavella; l’europarlamentare del Pd, Andrea Cozzolino; il presidente dell’associazione “Metamorfosi”, Pietro Folena ed il membro della segreteria nazionale del Pd, Matteo Orfini. L’incontro sarà presieduto da Massimiliano Cataldo, già membro della segreteria regionale del Pd.

Il 13 aprile la mobilitazione nazionale della Cgil a Roma

Per la Confederazione è “necessario risolvere la drammatica situazione di migliaia di persone senza più stipendio e senza pensione, insieme allo scandalo delle ricongiunzioni onerose”

“Ogni giorno che passa diventa più chiaro ed evidente quanto la riforma delle pensioni sia profondamente iniqua, priva di qualsiasi gradualità, pensata e fatta esclusivamente per fare cassa”. Lo sostiene Vera Lamonica, Segretaria confederale della CGIL con delega ai problemi previdenziali e del welfare. “Non importa poi che a pagarne i prezzi siano le donne, i giovani, i lavoratori, i pensionati – dice la dirigente della CGIL – per noi, però, la partita delle pensioni non è chiusa. È urgente affrontare subito la drammatica situazione di quelle lavoratrici e quei lavoratori che si trovano oggi senza lavoro, con gli ammortizzatori sociali conclusi o in via di conclusione, senza reddito e lontani dalla pensione. Così come va risolta l’assurda situazione di chi, pur avendo versato i contributi in gestioni previdenziali diverse, si vede costretto a sborsare cifre elevatissime per far valere e riunificare la contribuzione versata”. Leggi articolo…

Cstp in crisi, decisa la liquidazione

Pedace (Gd): “Servizio essenziale, si trovi una soluzione”

Il Consorzio Salernitano per il Trasporto Pubblico è in crisi. L’azienda per la mobilità, che offre servizi essenziali per i cittadini (come le corse per l’Università o per Salerno) verrà liquidata entro un mese e affidata alla stessa azienda per l’esercizio provvisorio del servizio fino a quando non sarà individuato il nuovo soggetto gestore.

Sulla delicata vicenda è intervenuta anche la Federazione salernitana dei Giovani democratici di Salerno, guidata dal segretario Vincenzo Pedace. “La grave crisi economica che ha colpito il CSTP e la possibilità, sempre più vicina, di affidare l’azienda ad operatori privati - hanno esordito i Gd salernitani -,  rimettono di nuovo in forte discussione le classi dirigenti che amministrano e che hanno amministrato gli Enti consorziati”. Leggi articolo…

Agropoli, anche il Pdl Giuliano ritira la sua candidatura a sindaco

Lo sfidante, molto gradito dall’amministrazione Alfieri, ha ceduto il posto a Pasquale Di Luccio

Come molte altre prima della sua, anche la candidatura a sindaco Pdl di Gianluigi Giuliano è durata appena pochi giorni. Giusto il tempo di lasciare più scontenti che soddisfatti. Ufficialmente il cambio del candidato sarebbe stato dettato da ragioni tattiche. Ma a dar retta ai “maligni” la motivazione vera sarebbe da ricercare nella insoddisfazione degli ultimi militanti del Pdl di Agropoli per la scelta di candidare un personaggio troppo “compromesso” con l’alfierismo. La palla quindi passa adesso a Pasquale Di Luccio, direttore tecnico della Yele e uomo vicino a Mario Capo.

Provincia, inchiesta sulle “Onlus fantasma”: sequestrati i soldi

La Finanza blocca un milione di euro mentre si apre un nuovo fronte di indagine sui finanziamenti occulti della campagna elettorale

Salerno. È arrivato il decreto di sequestro delle somme sottratte dai bilanci della Provincia di Salerno per finanziare finti progetti umanitari. L’indagine della Procura, che ha portato all’arresto di cinque persone e all’iscrizione di altre 16 (tra cui l’ex braccio destro del presidente Angelo Villani, Vittorio Aliberti) nel registro degli indagati, si allarga mentre le “Fiamme gialle” procedono al sequestro del denaro. La somma che secondo l’accusa sarebbe stata “distratta” dalle casse dell’Ente è di circa un milione di euro. In attesa del nuovo interrogatorio per i tre indagati (Aliberti, Musumeci e Bisogno) che la scorsa settimana hanno rinunciato al Riesame, al vaglio della Procura ci sarebbero altri episodi di finanziamenti “sospetti”. L’inchiesta quindi potrebbe subire ulteriori sviluppi anche alla luce della copiosa documentazione presentata dagli indagati nel corso di queste settimane. Leggi articolo…

Direttore responsabile:
Giuseppe Maniaci

Editore:
Associazione «Trasparenza & Legalità»

Segui Trasparenza & Legalità



redazione@trasparenzaelegalita.it

Le immagini raffiguranti loghi e marchi sono di proprietà dei rispettivi titolari.
Trasparenzaelegalita.it è disponibile alla rimozione di essi in ogni tempo. Le foto presenti su Trasparenzaelegalita.it sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.