Archivio agosto 2012

Provincia, Cirielli assumerà su di sé la delega ai Lavori Pubblici

Nel rimpasto che avrà luogo la prossima settimana abbandonano la giunta gli assessori Feola, Miano e Odierna. Al loro posto subentrano Mancusi e D’Agosto

La notizia è stata pubblicata dal giornale “Roma Cronaca”. Il rimpasto della Giunta del Presidente della Provincia Edmondo Cirielli sarà servito, entro e non oltre, la metà della prossima settimana, con una rotazione che coinvolgerà tre assessori in uscita e due in entrata, salvo sorprese dell’ultima ora.

Escono dall’esecutivo provinciale l’assessore ai Lavori Pubblici Marcello Feola, il collega all’agricoltura Mario Miano e l’assessore con delega alla sanità Sebastiano Odierna. Per Feola da tempo si parla di un addio alla Giunta Provinciale, della quale l’avvocato di origini cilentane ha fatto parte sin dalla prima ora: Marcello Feola è stato, infatti, nominato assessore nel Giugno del 2009, all’indomani della vincente campagna elettorale del centro destra ai danni di Angelo Villani. Oggi è proiettato verso una candidatura per le prossime elezioni politiche (qualunque sia la legge elettorale!, ndr).

Entro la metà della prossima settimana invece saranno pronti i decreti di nomi per l’attuale sindaco del comune di Sarno Amilcare Mancusi, che andrà a sostituire il “rimpastato” Sebastiano Odierna; l’altra novità riguarda, invece, il Medico e Consigliere Provinciale Costabile D’Agosto, eletto nell’UDC salvo poi dichiararsi indipendente, che sarà nominato assessore in luogo di Mario Miano. E per Feola? Probabile che, almeno per il momento, la delicata e complicata delega ai lavori pubblici resti nelle mani del Presidente della Provincia Edmondo Cirielli. Leggi articolo…

Agropoli, il Pdl solidarizza con Giuliano per il «caso Oasi»

L’ex Consigliere Comunale di Forza Italia non aveva abbandonato i lavori insieme al resto della minoranza quando fu approvata la delibera di sdemanializzazione

Agropoli. Il dibattito politico sulla delibera di sdemanializzazione di parte del Lido Oasi, approvata dal Consiglio comunale nel 2008, – e su cui la Procura di Vallo della Lucania ha aperto un’inchiesta – si arricchisce di un nuovo passaggio. Ad intervenire è ancora una volta l’unico esponente della minoranza consiliare, il Pdl Pasquale Di Luccio. Stavolta però l’intervento di Di Luccio non è d’attacco verso la maggioranza del sindaco Alfieri, ma di solidarietà all’ex consigliere comunale di Forza Italia, Gianluigi Giuliano. Quest’ultimo infatti, durante l’assemblea del 30 novembre 2008, non abbandonando i lavori – così come fatto dal resto della minoranza insieme ad altri consiglieri, per un totale di 10 assenti – permise al Consiglio di mantenere il numero legale riuscendo così ad approvare la contestata delibera. L’episodio non è mancato di tornare alla ribalta dei giornali quando si è saputo degli avvisi di conclusione delle indagini a carico di chi quella delibera l’ha votata.

«Da giorni ormai – esordisce il consigliere Di Luccio – è stata pubblicata la notizia dell’indagine della Procura di Vallo della Lucania a carico del Sindaco e di alcuni consiglieri di maggioranza della passata amministrazione, in relazione all’approvazione della delibera di sdemanializzazione del relitto stradale di via Kennedy.

Leggi articolo…

Agropoli, il Comune aggiudica l’appalto per il nuovo impianto sportivo

I lavori saranno eseguiti da una ditta di Nocera Inferiore

È stata eseguita il 28 agosto scorso l’aggiudicazione provvisoria dell’appalto per i lavori di completamento dell’impianto sportivo in località Moio. A renderlo noto è il responsabile dell’area Lavori pubblici del comune, Giuseppe Bilotti. L’avviso pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Agropoli riporta che l’aggiudicatario provvisorio è risultato essere il concorrente G.E.I. IMMOBILIARE con sede in NOCERA INFERIORE quale titolare dell’offerta del 33,781% per un importo di € 326.123,75 oltre oneri di sicurezza (totale complessivo di € 333.623,64). Alla gara hanno partecipato 147 operatori economici.

Castellabate, il Metrò del Mare “premia” la città di «Benvenuti al Sud»

San Marco è il porto in cui sono stati venduti più ticket nell’anno in cui Agropoli ha invece perso del tutto quel servizio

San Marco è stato il porto in cui, nel corso dell’estate 2012, sono stati staccati più biglietti del Metrò del Mare sulla tratta Cilento-Capri-Napoli. Per questo la società che gestisce il servizio di trasporto marittimo che collega la costa cilentana all’isola di Capri ha deciso di “premiare” Castellabate con una speciale promozione: dal 31 agosto al 2 settembre i residenti che vorranno recarsi a Capri potranno usufruire di uno sconto di 20 euro per il biglietto di andata e ritorno.

Anziché 44 euro, il biglietto, ai cittadini che si presenteranno alla biglietteria muniti di un documento che ne attesti la residenza a Castellabate, costerà 24 euro (i bambini da 0 a 3 anni non pagano, da 4 a 12 anni il costo di andata e ritorno sarà di 10 euro). La partenza dal porto di San Marco (salvo condizioni metereologiche avverse) sarà alle 8.40 con arrivo a Capri alle 10.30. Il ritorno da Capri è previsto alle 17.30 con arrivo a San Marco alle 19.15. I biglietti dovranno essere acquistati direttamente sul porto prima della partenza.

«Concessioni edilizie rilasciate in cambio di voti: inchiesta della Dda in tutta la Provincia»

L’annuncio del quotidiano Metropolis: «Indagine partita da Cava dopo lo scandalo delle tessere Pdl e Linea d’Ombra»

Politica & mattone selvaggio. Concessione di licenze edilizie “facili” o, addirittura, il mancato controllo su clamorosi abusi edilizi in cambio di favori e voti. L’indagine della Dda di Salerno – pm Vincenzo Montemurro -, una costola della più nota inchiesta sul tesseramento sospetto del Pdl, fa tremare le amministrazioni comunali. L’indagine dell’Antimafia, partita dal Comune di Cava dei Tirreni, ora rischia di coinvolgere le cittadine limitrofe, fino ad arrivare a Salerno. A Cava, durante la settimana di Ferragosto, i Carabinieri hanno eseguito una serie di sequestri di atti. Due blitz nel giro di pochi giorni: nel mirino l’ufficio tecnico del Comune Metelliano. I militari hanno sequestrato una corposa documentazione relativa alla concessione di permessi a costruire ma hanno anche acquisito le mappe catastali che riguardano soprattutto la zona collinare di Cava. Nella giornata di martedì, poi, una serie di politici, funzionari e imprenditori edili sono stati interrogati dall’Antimafia. Al momento si tratterebbe di “persone informate sui fatti” ma non si esclude che la posizione di qualcuno possa aggravarsi, con la conseguente iscrizione nel registro degli indagati. Agli atti dell’indagine, sembra, sia finita anche una sorta di lista delle ditte vincitrici di appalti per la costruzione di immobili, destinatarie di concessioni edilizie, ora al vaglio della magistratura. Una lista che, in queste ore, gli investigatori stanno mettendo a confronto con un altro elenco: quello delle ditte edili e cooperative che risultano vincitrici di appalti pubblici banditi dalla Provincia di Salerno.

Leggi articolo…

Direttore responsabile:
Giuseppe Maniaci

Editore:
Associazione «Trasparenza & Legalità»

Segui Trasparenza & Legalità



redazione@trasparenzaelegalita.it

Le immagini raffiguranti loghi e marchi sono di proprietà dei rispettivi titolari.
Trasparenzaelegalita.it è disponibile alla rimozione di essi in ogni tempo. Le foto presenti su Trasparenzaelegalita.it sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.