Archivio 17 aprile 2013

Agropoli, evasione dai domiciliari. La GdF riarresta Fabbrocino

Il nipote del capoclan Mario era stato fermato durante l’operazione «Clean Coast» dello scorso 31 luglio

guardia-di-finanzaAgropoli. Nel mentre i Carabinieri svolgevano la spettacolare operazione antidroga di ieri, la Guardia di Finanza ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Francescantonio Fabbrocino. L’uomo era sottoposto agli arresti domiciliari ma non si sarebbe attenuto alle prescrizioni imposte dall’autorità giudiziaria. Per Fabbrocino quindi si sono riaperte le porte della casa circondariale di Fuorni, dopo essere stato prelevato dalla sua abitazione di Agropoli e accompagnato in cella per aver violato in più occasioni il divieto di comunicazione. Fabbrocino era stato arrestato il 31 luglio scorso nell’ambito dell’operazione Clean Coast, con l’accusa d truffa ai danni dello Stato.

Agropoli, inchiesta sul Lido Oasi: stamane l’udienza preliminare. Il pm Greco chiede l’assoluzione per il sindaco

È fissata per il 5 giugno la decisione del Gup in merito alle richieste delle parti

AlfieriAgropoli. Si è svolta questa mattina presso il Tribunale di Vallo della Lucania l’udienza preliminare del procedimento che vede indagate 11 persone tra sindaco e membri della passata amministrazione Alfieri. Motivo del contendere era la delibera risalente al 2008 che prevedeva la sdemanializzazione del reliquato stradale in via Kennedy, adiacente il Lido Oasi.

«Assoluzione perché il fatto non sussiste» la richiesta del pubblico ministero Alfredo Greco. A darne notizia per primo è stato il sito istituzionale del Comune di Agropoli. L’udienza si è svolta dinanzi al gup Donatella Bove. Per tutti l’accusa era abuso d’ufficio in concorso. È seguito il rinvio al 5 giugno affinché il giudice per l’udienza preliminare decida se portare ugualmente gli indagati a processo o meno.

Direttore responsabile:
Giuseppe Maniaci

Editore:
Associazione «Trasparenza & Legalità»

Segui Trasparenza & Legalità



redazione@trasparenzaelegalita.it

Le immagini raffiguranti loghi e marchi sono di proprietà dei rispettivi titolari.
Trasparenzaelegalita.it è disponibile alla rimozione di essi in ogni tempo. Le foto presenti su Trasparenzaelegalita.it sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.