Archivio luglio 2017

Politica, il Pd lancia il progetto Lebensborn alla Toscana

Sull’istituzione del “dipartimento mamme” ad opera di Matteo Renzi

maxresdefaultSentite sentite cosa sta avvenendo nel Pd: l’On. Patrizia Prestipino, membro della direzione nazionale del partito di Renzi, è tutta sgargiante. Ha avuto, infatti, un alto incarico dal suo segretario: quello di creare il dipartimento mamme per salvaguardare la “razza italica” ed incentivare la proliferazione e le nascite di pargoletti “italiani”.

Altro che ius soli, che ne vogliamo fare di pargoli di colore e… di colori? Sembra il dilemma subconscio di chi ha partorito questa originalissima idea, anche questa molto ma molto italica… alla toscana potremmo aggiungere.

Così si ritorna al passato. Passato brutto, tragico per tutto il mondo. Annullando la grande e coraggiosa intuizione di Albert Einstein che definì, in modo perentorio, l’esistenza di due solo razze che popolano il nostro Pianeta: la razza umana e quella animale. Ognuno scelga per le sue attitudine a quale di queste vuole appartenere, lasciando stare razze e razzette improntate al colore della pelle o dei capelli o… del portafogli. O ancora peggio alle dannate confessioni religiose.

In ultimo, con la speranza che qualcuno ricordi e ravveda tutto l’armamentario etico-genetico delle proprie teorie in materia di evoluzione umana, da non strumentalizzare per rastrellare voti per un partito che ogni giorno dà segno di dilettantismo pericoloso e cialtrone, vogliamo ricordare a quella fervida mente che ha partorito questa italica idea, che all’incirca nel 1942, o giù di lì, in piena guerra di conquista, già un altro germanico statista, che voleva appropriarsi del mondo per farlo governare alla bionda genìa germanica-nazista, lanciò l’operazione Lebensborn, che consisteva nel fare accoppiare ufficiali scelti in base a caratteristiche di marcati tratti albionici delle SS con donne giunoniche rastrellate un po’ nei paesi del nord con preferenze per l’Olanda e la Svezia, il tutto per creare una nuova razza germanica, bella, intelligente e guerriera. Peccato cha alla fine della guerra le armate alleate Usa e Urss scoprirono un campo riservato di povere donne spersonalizzate e di innumerevoli bambini più simili a piccoli mostriciattoli.

Andiamoci piano quando si parla di razze.

Agropoli, lo Spi-Cgil rafforza il proprio quadro dirigente

L’assemblea saluta la cooptazione di Ornella Milano nella pianta organica della Camera del Lavoro

20170707_175831Agropoli. Un nuovo ingresso nel direttivo dello Spi-Cgil. È quanto ha deciso l’assemblea degli iscritti che si è riunita nel pomeriggio di venerdì 7 luglio presso la propria sede in via C. Rossi. Infatti «dall’originaria formazione del direttivo abbiamo perso due membri, i compagni Paradiso e Caso, che non ci sono più, mentre altri si sono trasferiti da Agropoli – ha ricordato il presidente del comitato direttivo, Umberto DominiPer questo, con l’approssimarsi di una stagione di mobilitazione generale come il prossimo autunno, abbiamo ritenuto di puntare su una figura capace e preparata, non solo politicamente, anche per lo svolgimento di compiti previdenziali e fiscali: Ornella Milano che è fornita, in questo, di una vasta esperienza».

«Da lunedì – ha aggiunto il segretario della Lega Spi di Agropoli, Giovanni Grecogli uffici della Cgil potranno contare sulla presenza di una compagna che sarà chiamata a svolgere un ruolo politico, oltre che burocratico, in una sede oltremodo strategica per il comprensorio».20170707_175908

Il comitato direttivo dei pensionati Cgil, quindi, ha votato all’unanimità la cooptazione della Milano sia nello stesso direttivo che nella segreteria cittadina dell’organizzazione sindacale.

Lei, nel ringraziare coloro che sono intervenuti e che le hanno accordato la propria fiducia, ha ricordato le precedenti esperienze con il sindacato ed ha evidenziato che, per continuare a offrire i servizi che occorrono a lavoratori e pensionati, ci sarà bisogno dell’aiuto di tutti.

Un fragoroso applauso e un augurio di buon lavoro è, infine, venuto dai compagni riuniti in assemblea, cui si aggiunge la redazione di Trasparenza & Legalità.

20170707_18155020170707_182123

20170707_18291520170707_182926

Agropoli, il passaggio per l’ottava tappa del Giro d’Italia femminile

Il disinteresse dell’amministrazione comunale e la sfortuna della giovane Claudia Cretti

giro-ditaliaAgropoli. È passato da via Piave alle 13:39 di venerdì 7 luglio. È il Giro d’Italia femminile, la gara ciclistica che ha visto nella cittadina del Cilento la propria ottava tappa nella corsa verso Palinuro.

190 le atleti che vi partecipano in rappresentanza delle numerose nazioni interessate.  Una competizione molto seguita sia in Italia che all’estero.

Il fatto che l’amministrazione comunale l’abbia sostanzialmente snobbata è un vero peccato perché ha fatto perdere ad Agropoli un’ottima occasione di promozione: la carovana rosa non ha ricevuto nemmeno un segno di saluto. Al passaggio della corsa vi erano pochissime persone a salutare atleti e organizzatori.

Eppure la presenza della gente di Agropoli sarebbe stato anche un segnale di vicinanza alla sfortunata ciclista Claudia Cretti, di anni 21, che giovedì si è infortunata gravemente a causa di una rovinosa caduta nei pressi di Benevento. Ricoverata presso il locale nosocomio, lotta tra la vita e la morte.

Ci sono fatti in cui bisogna dimostrare attenzione a nome della città e legami solidaristici per la crescita culturale e sociale di una popolazione che si rispecchia nelle varie manifestazioni che esaltano i valori dello sport, della cultura e dell’accoglienza. Non capire ciò è molto grave.

Paestum, da giovedì 6 luglio le notti magiche ai templi

Le iniziative in programma durante la stagione estiva

paestum-2Notti magiche a Paestum con aperture straordinarie dalle ore 19 a mezzanotte, dal giovedì alla domenica dal 6 luglio al 27 agosto con “Paestum by night, passeggiando tra i templi”.

Visite guidate all’ombra del Tempio di Nettuno e della Basilica dalle ore 20 alle 22.30 con partenza ogni mezz’ora da Porta Principale (ingresso nei pressi del Tempio di Nettuno). Costo della visita 2 euro a persona.
L’estate è anche musica e danza: ogni venerdì nei pressi del Tempio di Nettuno, artisti di fama internazionale si esibiranno dalle ore 21, nell’ambito della rassegna “Musica ai templi”.

Non poteva mancare il “Teatro ai templi” con 4 spettacoli teatrali scritti e diretti da Sarah Falanga. Si parte sabato 8 luglio con “Yerma, donna sul filo” tratto dalla celebre opera di Federico Garcia Lorca, presso la piscina ellenistica; poi sarà la volta di “TRILOGIA-Antigone, Elettra, Medea: l’intimo dissenso della modernità” in scena sabato 22 luglio e sabato 12 agosto, presso il tempio di Hera (detto Basilica); ed infine, sabato 26 agosto nel “Foro” andrà in scena “Sonorità mediterranee”.

“Action painting rito & arte nelle tombe di Paestum” è invece la mostra visitabile nel Museo fino al 31 dicembre 2017. In esposizione lastre tombali e vasellame del IV secolo a.C. che raccontano la ritualità funeraria dell’élite locale in tutte le sue espressioni, dalle più manifeste (cortei funebri con piangenti e giochi in onore del defunto) fino alle più celate allusioni al mondo dell’aldilà e ad una vita oltretombale.

Venerdì 7 luglio continuano le aperture straordinarie dei depositi, con visite guidate in italiano e in inglese, alle ore 10, 12 e 14. E per bambini e ragazzi ogni domenica laboratori didattici “Dal mito al tempio” alle ore 11 e 16.

Il 23 luglio si potrà arrivare a Paestum a bordo del treno storico.

Per le iniziative Musica ai templi, Paestum by night e Teatro ai templi: biglietto d’ingresso 11 euro dalle ore 19 (ultimo ingresso ore 23:00). Iniziative incluse nel biglietto d’ingresso e nell’ Abbonamento Paestum Mia.

Ingroia: «PD ha deriva irreversibile, si lavori per lista unica a sinistra»

Intervistato da BlastingNews, l’ex pm e leader di Rivoluzione Civile parla di unità a sinistra verso le prossime elezioni

ingroia-santi-apostoliRoma. A margine della kermesse “Insieme, per un nuovo centrosinistra” in piazza dei SS. Apostoli, Maurizio Ribechini di Blasting News ha avvicinato l’ex pm Antonio Ingroia, già candidato premier con Rivoluzione Civile nel 2013 e attualmente leader di Azione Civile, per porgli alcune domande sull’attuale fase politica.

Ingroia, lei ha partecipato sia all’assemblea del Teatro Brancaccio il 18 giugno, sia all’evento di questo 1° luglio nella piazza di Bersani e Pisapia. Secondo lei è possibile che questi due progetti collaborino?

«Innanzitutto bisogna incoraggiare il dialogo, vedere i punti di convergenza, i punti di distensione e aprire un confronto. Va detto che ci sono anche delle altre iniziative e piattaforme che si stanno muovendo. Per esempio nei giorni scorsi siamo stati a Latina e ci sarà a fine settembre un momento di incontro dei comitati per l’attuazione della Costituzione. Poi ci sono anche i movimenti puramente civici. Io credo che si debbano creare dei momenti di aggregazione fra questi tre “poli”: la componente civica, quella costituzionale e quella politica di sinistra, per poi favorire un momento di convergenza».

Pensa che realisticamente sia possibile un’unica lista alla sinistra del Pd alle prossime elezioni politiche?

«Io penso che si debba lavorare in questo senso, perché non bisogna dare agli avversari politici, ovvero alla destra e al PD (che appunto è un avversario) la possibilità di avere una totale frammentazione a sinistra. Bisogna insomma lavorarci sopra».

Lei crede che al giorno d’oggi ci siano possibilità per la sinistra di poter dialogare con il PD dopo l’uscita delle componenti di sinistra e la riconferma di Renzi come segretario?

«Io credo che il Partito Democratico sia entrato ormai in un processo di deriva irreversibile. La scelta di campo che ha fatto con l’assalto alla Costituzione divide per sempre le strade del popolo di sinistra e del popolo costituzionale rispetto alla classe dirigente del PD. Speriamo invece che il suo popolo e i tanti elettori democratici che hanno a cuore la Costituzione capiscano che questo PD va abbandonato al suo destino e che occorre passare dalla nostra parte: vale a dire dalla parte della Costituzione».

Direttore responsabile:
Giuseppe Maniaci

Editore:
Associazione «Trasparenza & Legalità»

Segui Trasparenza & Legalità



redazione@trasparenzaelegalita.it

Le immagini raffiguranti loghi e marchi sono di proprietà dei rispettivi titolari.
Trasparenzaelegalita.it è disponibile alla rimozione di essi in ogni tempo. Le foto presenti su Trasparenzaelegalita.it sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.