Il candidato di Potere al Popolo per il collegio uninominale di Agropoli attacca il Pd: «per loro la politica vale solo se porta ad una candidatura»

Filippo IsoldiAgropoli. Un passato nel movimento del ‘77, contro il nucleare e per la non violenza. Nel 2001, dopo i fatti avvenuti al G8 di Genova, aderisce a Rifondazione comunista e dà vita al primo circolo di Laurito. Filippo Isoldi, candidato di Potere al Popolo nel collegio uninominale di Agropoli per la Camera dei Deputati, è un militante di vecchia data, che ha come punti di riferimento il pensiero di Gandhi e di don Milani.

Intervistato dalla redazione di Trasparenza & Legalità, Isoldi ha spiegato che la sua candidatura si pone come obiettivo il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro degli oppressi, spesso distratti dai mezzi di comunicazione di massa. La sua campagna elettorale, dice, sarà molto semplice: «mi rivolgo alla gente normale, come quella che incontro al bar quando prendo un caffè o come il contadino da cui compro il fieno».

Il suo programma elettorale è un mix tra sogno e pragmatismo: «occorre invertire i valori di questa società perché l’obiettivo di ciascuno non può essere guadagnare più denaro e diventare un perfetto consumatore. La politica deve tornare ad occuparsi della felicità del popolo, senza farsi avvelenare dalle gerarchie».

Quanto al Pd ed al suo candidato , aggiunge: «occorre solleticare le persone, singolarmente e come collettività, sul fatto che un rappresentante del popolo non può diventarne un padrone ma dovrebbe sempre essere considerato un suo servitore». Nel 2012, ricorda, Rifondazione tentò di contrastare con una propria lista la candidatura bulgara di Alfieri. «Oggi costui si è dato molto da fare per essere candidato al Parlamento. Perché? Senza candidatura avrebbe perso tutto il suo valore?

Per noi di Potere al Popolo – conclude Isoldi – vale il principio opposto, tanto è vero che potevo benissimo non essere io il candidato ma questo progetto lo avrei sostenuto ugualmente, insieme alle tante persone che lo stanno animando».

Direttore responsabile:
Giuseppe Maniaci

Editore:
Associazione «Trasparenza & Legalità»

Segui Trasparenza & Legalità



redazione@trasparenzaelegalita.it

Le immagini raffiguranti loghi e marchi sono di proprietà dei rispettivi titolari.
Trasparenzaelegalita.it è disponibile alla rimozione di essi in ogni tempo. Le foto presenti su Trasparenzaelegalita.it sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.