L’esponente della minoranza dem risponde ad Antonio Vassallo: «purtroppo il Pd è stato invaso da personaggi opachi e improbabili»

michele-emiliano«Caro Antonio, comprendo totalmente la tua indignazione e la tua decisione di abbandonare il PD». Comincia così il commento che il Governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano, esponente della minoranza dem, ha lasciato sotto al post con cui Antonio Vassalo ha espresso il suo disappunto per la decisione del Partito democratica di candidare l’ex sindaco di Agropoli, Franco Alfieri, alle prossime elezioni politiche.

«Sono indignato anche io per quello che sta accadendo – continua Emiliano – e sono incredulo del fatto che nessuno abbia tenuto conto delle argomentazioni nitide e non contestabili che hai utilizzato a tempo debito per evitare che simili personaggi fossero candidati».

«Purtroppo – aggiunge l’esponente della minoranza – quei moltissimi che in Campania avrebbero votato per il PD che tuo Padre rappresenta, non andranno a votare o voteranno altre forze politiche perché casa nostra, quella costruita dai partigiani durante la Resistenza e fatta diventare bellissima da gente come Tuo Padre, è stata invasa da personaggi improbabili e opachi come quelli da Te descritti.

Tenteremo con tutte le nostre forze di scacciare questi personaggi dal PD in modo che tu possa, assieme a Tuo Padre, sentirti di nuovo parte di tutti noi. Nel frattempo – conclude l’ex pm – ti chiedo scusa per conto di coloro che nel PD non hanno neanche avuto il coraggio di guardarti negli occhi prima di infangare in questo modo la memoria di Tuo Padre, Angelo».

Direttore responsabile:
Giuseppe Maniaci

Editore:
Associazione «Trasparenza & Legalità»

Segui Trasparenza & Legalità



redazione@trasparenzaelegalita.it

Le immagini raffiguranti loghi e marchi sono di proprietà dei rispettivi titolari.
Trasparenzaelegalita.it è disponibile alla rimozione di essi in ogni tempo. Le foto presenti su Trasparenzaelegalita.it sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.