Agropoli, lo Spi-Cgil rafforza il proprio quadro dirigente

L’assemblea saluta la cooptazione di Ornella Milano nella pianta organica della Camera del Lavoro

20170707_175831Agropoli. Un nuovo ingresso nel direttivo dello Spi-Cgil. È quanto ha deciso l’assemblea degli iscritti che si è riunita nel pomeriggio di venerdì 7 luglio presso la propria sede in via C. Rossi. Infatti «dall’originaria formazione del direttivo abbiamo perso due membri, i compagni Paradiso e Caso, che non ci sono più, mentre altri si sono trasferiti da Agropoli – ha ricordato il presidente del comitato direttivo, Umberto DominiPer questo, con l’approssimarsi di una stagione di mobilitazione generale come il prossimo autunno, abbiamo ritenuto di puntare su una figura capace e preparata, non solo politicamente, anche per lo svolgimento di compiti previdenziali e fiscali: Ornella Milano che è fornita, in questo, di una vasta esperienza».

«Da lunedì – ha aggiunto il segretario della Lega Spi di Agropoli, Giovanni Grecogli uffici della Cgil potranno contare sulla presenza di una compagna che sarà chiamata a svolgere un ruolo politico, oltre che burocratico, in una sede oltremodo strategica per il comprensorio».20170707_175908

Il comitato direttivo dei pensionati Cgil, quindi, ha votato all’unanimità la cooptazione della Milano sia nello stesso direttivo che nella segreteria cittadina dell’organizzazione sindacale.

Lei, nel ringraziare coloro che sono intervenuti e che le hanno accordato la propria fiducia, ha ricordato le precedenti esperienze con il sindacato ed ha evidenziato che, per continuare a offrire i servizi che occorrono a lavoratori e pensionati, ci sarà bisogno dell’aiuto di tutti.

Un fragoroso applauso e un augurio di buon lavoro è, infine, venuto dai compagni riuniti in assemblea, cui si aggiunge la redazione di Trasparenza & Legalità.

20170707_18155020170707_182123

20170707_18291520170707_182926

Agropoli, applausi e commozione in piazza con gli ex sindaci della città

Il video dell’iniziativa tenutasi domenica scorsa in piazza e promossa dalla coalizione Agropoli Bene Comune

abateSi è aperta così, fra commozione e applausi, la kermesse tenuta domenica dalla coalizione Agropoli Bene Comune a sostegno di Agostino Abate, presentata dalla giornalista Angela Russo. Piazza gremita ed attenta alle testimonianze ed alle riflessioni esternate dagli ex sindaci Florigi De Feo, Paolo Caputo, Bruno Mautone e Antonio Domini, dall’ex vice-sindaco Mario Capo e dall’ex senatrice Olimpia Vano.
Ognuno ha sottolineato come tutti gli amministratori, pur se in maniera discreta e silenziosa, hanno contribuito alla crescita strutturale, politica, sociale e democratica di Agropoli.
Mai nessuno – è stato il concetto ribadito da tutti – si era azzardato ad apostrofare i precedenti amministratori come “il nulla” (battuta infelice e poco elegante dell’attuale sindaco uscente).

La discussione è stata incentrata sull’unanime valutazione del perché nessuno dei precedenti sindaci abbia mai spinto l’ente verso il record di indebitamento raggiunto dall’amministrazione Alfieri e sono state ricordate le tante opere pubbliche ideate, cantierizzate e progettate dai precedenti amministratori della città.

gente-comizio-abcLa serata ha riportato spunti anche di progettualità future e di idee innovative che hanno trovato spazio pure nei suggerimenti arrivati dagli ospiti intervenuti.
Il candidato sindaco Agostino Abate, poi, ha nuovamente rimarcato la volontà di dare vita ad un progetto amministrativo lungimirante, teso ad una programmazione sana, senza sprechi, ma forte della condivisione e della partecipazione di tutte le componenti della città.

La lettura dei nominativi che compongono le liste di “Agropoli Libera” ed “Agropoli al Centro” ha messo il sigillo ad una serata entusiasmante che svaniva sullo sfondo di una splendida immagine notturna di Agropoli sulla quale campeggiava la scritta: “Questi sindaci non sono il nulla, sono uomini che con le loro idee hanno contribuito alla crescita della città, nel rispetto della legalità, delle regole e della dignità umana. Noi li ringraziamo e conserviamo integro il loro ricordo”.

Agropoli, la Sinistra della coalizione di Abate riafferma il proprio impegno sul lavoro

Romano, Capaldo, De Conciliis, Spira e Parisi sottoscrivono un documento per le «filiere corte» ed il «reddito di dignità». Domenica il comizio in piazza: sul palco con Abate ci saranno, fra gli altri, anche l’ex sindaco Antonio Domini e l’ex senatrice Olimpia Vano

Gazebo (2016.06.02)Agropoli. «Filiere corte» e «reddito di dignità» per il rilancio della città. La Sinistra della coalizione che sostiene la candidatura di Agostino Abate per le prossime elezioni amministrative mette in chiaro quali saranno gli obiettivi primari della nuova amministrazione comunale in caso di vittoria.

In un documento a firma dei candidati al Consiglio comunale di “Agropoli Libera” Aldo Romano, Dora Capaldo, Antonio De Conciliis e Annarita Spira, oltre che del responsabile lavoro della coalizione Carmine G. Parisi, si pone l’accento su una forte incentivazione delle c.d. filiere corte, tra produttori e consumatori, a beneficio degli operatori della pesca e dell’agricoltura, con la realizzazione di un mercato dei prodotti del mare e della terra riservato a chi opera sul posto, insieme all’avvio di un progetto sperimentale di sostegno alle fasce sociali più deboli per mezzo del reddito di dignità ai giovani che creano una famiglia e cercano di immettersi nel mondo del lavoro.

In caso di vittoria, i candidati della Sinistra assumono con serietà l’impegno specifico, insieme al resto della coalizione, di battersi: 1) per liberare i cittadini dal ricatto del lavoro precario, nero e sottopagato – specie nel settore terziario – ; 2) per la maggiore tutela delle lavoratrici nelle varie, specifiche fasi della loro vita; 3) per venire incontro ai pensionati al minimo che a stento riescono a far fronte alle proprie esigenze quotidiane.

Non è l’unico movimento che si registra a sinistra: nel comizio in programma per domenica in piazza V. Veneto alle ore 20:00, in cui interverranno varie personalità che hanno ricoperto ruoli istituzionali ad Agropoli, sul palco con Abate saliranno anche l’ex sindaco Antonio Domini e l’ex senatrice Olimpia Vano.

Agropoli, all’Hotel Mare l’impegno della coalizione di Abate per il rilancio del turismo

Molto apprezzati gli interventi del consigliere comunale Vito Rizzo e dell’ex sindaco Antonio Domini

Abate turismoAgropoli. Si è discusso di turismo venerdì 21 aprile, all’Hotel Mare, davanti ad una platea significativa di persone interessate alla tematica.

Oltre agli operatori del settore, erano presenti anche diversi futuri candidati della coalizione Agropoli Bene Comune.

Dopo l’introduzione di Antonio Baldi, responsabile area turismo della coalizione, sono seguiti gli interventi dei relatori.

«La qualità del turismo parte dal rispetto delle regole – ha ricordato il consigliere comunale uscente e candidato Vito RizzoÈ importante regolamentare i fitti per creare una rete di accoglienza finanziata attraverso la tassa di soggiorno».

Accoglienza, turismo, rispetto delle regole. Argomenti sentiti, non solo in campagna elettorale. Da anni si discute, anche su questo giornale, degli infelici interventi svolti dall’amministrazione comunale: i lavori che hanno alterato l’assetto delle spiagge presso la zona Licina-Lido Azzurro, e che tanta disapprovazione hanno suscitato tra i residenti, sono solo un esempio.

img-20170421-wa0009Importante è stata, quindi, la partecipazione all’evento dell’ex sindaco Antonio Domini, la cui amministrazione si era distinta proprio per la tutela dell’ambiente e della legalità.

Negli ultimi anni, invece, l’attività turistica si è inserita in modo caotico nella vita quotidiana dei residenti. La sua regolamentazione, quindi, non può essere trascurata da chi vuole amministrare la città né può essere vista come la volontà di penalizzare alcuni. Per far ciò occorre un responsabile del settore che se ne occupi a tempo pieno e che faccia tesoro di quanto di negativo si è verificato negli ultimi 5 anni, anche in tema di ordine pubblico.

img-20170421-wa0002«Agropoli manca di un assessore al turismo – ha evidenziato, infatti, il candidato sindaco Agostino Abateuna figura importantissima in ogni altra città analoga. Specie se si pensa che negli ultimi 5 anni è stato il sindaco ad impersonare l’assessore ai lavori pubblici, al turismo, allo spettacolo e alle politiche sociali. Un superassessore, insomma, che non può avere la capacità di dedicarsi a tempo pieno a tutte queste materie.

Ad Agropoli, invece, occorrerebbe un assessore che al turismo si dedichi a tempo pieno, con voce autorevole anche in occasione della redazione del Puc».

Tutto ciò, ci auguriamo, dovrà servire a frenare l’ingordigia e l’egoismo di coloro che si arricchiscono speculando sul territorio.

Agropoli, elezioni: venerdì l’iniziativa pubblica con Rizzo, Domini e Abate

Appuntamento all’Hotel Mare per discutere di idee per il turismo. Previsto anche l’intervento del vice-sindaco di Castellabate

alghe-al-porto-furboAgropoli. «Idee per il turismo» è il titolo dell’iniziativa che si terrà venerdì, alle 17:00, all’Hotel Mare. La conferenza programmatica, organizzata dal raggruppamento civico Agropoli Bene Comune, sarà l’occasione per discutere di sviluppo della città e vedrà la partecipazione dell’ex sindaco Antonio Domini e del candidato sindaco Agostino Abate.

Tolleranza zero verso i fitti estivi abusivi, tassa di soggiorno, tutela di Trentova, porto furbo al Lido Azzurro e riqualificazione dell’area portuale. Sono solo alcuni dei temi che verranno affrontati insieme anche al consigliere comunale uscente Vito Rizzo, al responsabile area tematica porto Antonio Baldi ed al vice-sindaco di Castellabate Luisa Maiuri.

Direttore responsabile:
Giuseppe Maniaci

Editore:
Associazione «Trasparenza & Legalità»

Segui Trasparenza & Legalità



redazione@trasparenzaelegalita.it

Le immagini raffiguranti loghi e marchi sono di proprietà dei rispettivi titolari.
Trasparenzaelegalita.it è disponibile alla rimozione di essi in ogni tempo. Le foto presenti su Trasparenzaelegalita.it sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.